Dalla Cattedrale ai formaggi …

Una passeggiata a Bergamo Alta o Altissima (San Vigilio), il panorama, il vialone centrale di Bergamo Bassa, le Chiese con le opere di Lorenzo Lotto …

Di motivi per visitare Bergamo ce ne sarebbero tantissimi, ma, chiedendo ad un Bergamasco doc di sceglierne 5, lui mi ha suggerito questi. Quindi ringrazio l’amico Leo e parto subito alla scoperta!

1° MOTIVO PER VISITARE BERGAMO

Museo e Tesoro della Cattedrale

Visitare Bergamo: museo

Grazie ad una complessa campagna di scavi (2004-2012) nel sottosuolo del Duomo sono emerse le tracce di un sito romano, della Cattedrale paleocristiana di San Vincenzo e della successiva Cattedrale romanica, avvolte nella ricostruzione rinascimentale del Filarete.

Dal I secolo a.C. al IV sec d.C. l’area era occupata da un quartiere di impianto romano, adiacente al foro, attraversato da una strada commerciale sulla quale si affacciavano botteghe, laboratori artigiani e domus residenziali dotate di ricchi apparati architettonici e decorativi.

Nel V secolo sorse una Cattedrale dedicata a San Vincenzo: con non meno di 45m di lunghezza per 24m di larghezza, costituiva il più grande edifico sacro della città!

La linea dei muri perimetrali è stata mantenuta nelle successive fasi edilizie e corrisponde (escluso il lato orientale del presbiterio) al perimetro della chiesa attuale.

Per info, visita il sito ufficiale: MUSEO E TESORO DELLA CATTEDRALE

2° MOTIVO PER VISITARE BERGAMO

Basilica di Santa Maria Maggiore

Visitare Bergamo: la CattedraleLa Basilica di Santa Maria Maggiore – definita “Cappella votiva della città” – è formata da un insieme di stili e di arti eterogenei, dei periodi compresi fra i secoli XII e XIX.

Nel 1133 una forte siccità colpì le terre bergamasche e a questa seguirono una carestia e la peste. La popolazione di Bergamo, stremata, invocò l’aiuto della Vergine Maria e promise la costruzione di una bellissima chiesa in segno di ringraziamento.

Nel 1137, davanti al vescovo Gregorio e a tutta la cittadinanza, fu posta la prima pietra della Basilica. Mentre l’esterno ha conservato l’originale architettura romanica, l’interno ha subito nel tempo notevoli cambiamenti.

Visitare Bergamo: interno cattedrale

3° MOTIVO PER VISITARE BERGAMO

Le mura venete

Nel visitare Bergamo, e in particolare, Bergamo Alta, non può mancare il giro delle Mura Venete!

Visitare Bergamo: mura

Questo l’itinerario consigliato dal nostro amico: Largo Colle Aperto, Viale delle Mura, baluardo di San Giovanni, piattaforma di Santa Grata, baluardo di San Giacomo, piattaforma di Sant’Andrea, baluardo di San Michele, Porta Sant’Agostino, complesso di Sant’Agostino, Via Porta Dipinta, torre di Sub Foppis, Chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, Via della Fara, baluardo di San Lorenzo, Via alla Porta di San Lorenzo, Via della Boccola, Largo Colle Aperto.

4° MOTIVO PER VISITARE BERGAMO

Accademia Carrara – Pinacoteca

Visitare Bergamo: pinacotecaL’origine della Pinacoteca si deve al conte Giacomo Carrara, mecenate e collezionista, con un generoso lascito alla città di Bergamo: infatti alla sua morte, nel 1796, tutti i suoi beni furono dati in gestione ad una Commissaria a favore dell’accademia che li gestì fino al 1958, quando la gestione passò nelle mani del comune di Bergamo. Il museo negli anni ha continuato ad incrementare il proprio con acquisizioni e donazioni. Attualmente possiede 1800 dipinti dal XV al XIX secolo di artisti quali Pisanello, Botticelli, Bellini, Mantegna, Raffaello, Moroni, Baschenis, Fra Galgario, Tiepolo, Canaletto, Piccio, Giacomo Trecourt. Ai dipinti si affiancano una raccolta di disegni e stampe, bronzi, sculture e porcellane, mobili ed oggetti di arredamento e una raccolta di medaglie.

5° MOTIVO PER VISITARE BERGAMO

I formaggi bergamaschi

Sono 9 le DOP bergamasche per i formaggi.

Si parte con il Formai De Mut (Formaggio di Monte). C’è poi lo Strachìtunt Valtaleggio DOP, un antenato del Gorgonzola. Un altro è il Taleggio DOP. A seguire il Gorgonzola DOP, il Bitto DOP e il Grana padano DOP. Senza dimenticare la Provolona val Padana DOP, il Quartirolo lombardo DOP, il Salva cremasco DOP e numerosi formaggi di nicchia, prodotti da piccoli caseifici o allevatori, fra cui gli Agri della Valtorta.

Il Branzi (dal comune di origine) può essere mangiato fresco o stagionato e usato in diversi piatti della tradizione come la polenta Taragna e i pizzoccheri, oppure semplicemente cotto sulla piastra.

E poi le formaggelle dalla val di Scalve e val Seriana, gli stracchini freschi o stagionati prodotti in tutte le valli, la fluida ricotta chiamata Fiorit, la Mascherpa (che non è un mascarpone bensì una ricotta) e lo Scalet di Lizzola. Infine i Caprini, le formaggelle e le ricotte di capra prodotte in tutta la provincia, da parte di piccoli ma abili produttori.

Insomma, Bergamo è una città da scoprire (ma quale città non lo è???)

Con il bel tempo, l’ideale è semplicemente quello di passeggiare e il giro delle mura venete permette anche di osservare un panorama incredibile; se piove ci sono i tesori del museo della Cattedrale o della Pinacoteca … e non dimenticavi di assaggiare i formaggi!!!

Leggi gli altri articoli della categoria ON THE ROAD, da Caorle a Parigi!

E tu? Quale motivo hai per visitare Bergamo?

Commenti