da lecco a cremona po

Dopo 130 km da Lecco il fiume Adda confluisce nel Po poco prima di Cremona.

Siamo giunti alla fine del percorso a piedi da Lecco a Cremona: dopo la 1° tappa in terra lecchese, ci siamo spostati nella bergamasca prima e nella martesana poi durante la 2° tappa, fino a Lodi  nella 3° tappa e infine un bel giro esplorativo prima di arrivare a Crotta d’Adda con la 4° tappa.

E’ primavera inoltrata quando percorro il sentiero finale iniziato in autunno da Pescarenico.

da lecco a cremona adda po

Uscito dal lago di Lecco baldanzosamente, l’Adda giunge tranquillo e placido qui ad alimentare il fiume più importante d’Italia per arrivare definitivamente nel mare.

Siamo in Lombardia ma la riva che vedo dall’altra parte è Emilia Romagna.

Con un ottimo sterrato arriviamo nella città della musica e di tante altre scoperte: Cremona.

Un paese-città, una città-paese che si visita tranquillamente a piedi perché tutta concentrata in pochi centinaia di metri.

Partiamo con una delle piazze più belle di Italia, la Piazza del Comune.

Iniziamo con il Torrazzosituato accanto al Duomo, che è il simbolo della città lombarda: si tratta del secondo campanile storico più alto d’Italia, dopo il Campanile di Mortegliano ed è la torre in muratura più alta d’Europa (112 metri). Consigliato salire in cima nelle giornate limpide quando la vista spazia dagli Appennini alle Alpi.

Di fronte il Palazzo Comunale, quasi sempre aperto con ingresso gratuito, con all’interno le superbe sale.

Il Battistero sulla destra è l’introduzione al Duomo dedicato a S. Maria Assunta.

Dell’interno segnalo principalmente le “Scene della Passione di Cristo” del Pordenone: movimento, tumulto, grande teatro, dramma in azione. Poi gli affreschi di Altobello nella navata centrale, e due pulpiti sconosciuti ai più ad opera di Piatti Giovanni che sono lì immobili da 170 anni: sono da scoprire! 

da lecco a cremona crocifissione

Ma se volete toccare con mano quello che veramente ha reso celebre questo capoluogo in tutto il mondo, dovete entrare al Museo del Violino.

da lecco a cremona museo violino

Si trovano in esposizione pezzi unici appartenuti anche ad Antonio Stradivari. Alla fine potrete anche esplorare la sua casa e curiosare nelle botteghe dei liutai, maestri che lavorano per la creazione di questi strumenti ancora con il metodo classico. Questo mestiere è considerato un’arte a tal punto da essere dichiarato Patrimonio Immateriale dell’umanità Unesco.

da lecco a cremona museo auditorium

Consiglio: la visita è da accompagnare assistendo ad una suonata di violino in una sala costruita appositamente per sentire il suono al massimo della sua potenzialità.

da lecco a cremona torroneNel momento in cui anche il palato reclamerà la sua parte, sappiamo che entrerete in una delle numerose pasticcerie che preparano il torrone, dolce natalizio per eccellenza, al quale è dedicata un’intera festa che in novembre richiama migliaia di visitatori.

Vi lascio da scoprire la strada romana in via Solferino (visitabile grazie ai volontari del Touring nei week-end) insieme alla misteriosa chiesa di S.Maria Maddalena: diciamo che Dan Brown, l’autore americano di triller tra cui “Il Codice da Vinci“, sarebbe affascinato dalle oscure storie che questa chiesa racconta: a voi la scoperta!da lecco a cremona san sigismondo

Per ultimo, per modo di dire, vale la visita alla chiesa di San Sigismondo dove con un affresco “Gloria del paradiso” si erge uno dei più dotati pittori cremonesi, il Bernardino Campi, coetaneo di Tintoretto e di Paolo Veronese.

Questi sono solo degli accenni ma molto di più esiste in questo grande paese o piccola città: ognuno saprà cogliere un particolare di bellezza.

Buona visita!

da lecco a cremona camminoE si conclude qui il nostro viaggio da Lecco a Cremona seguendo il fiume più visto nel mondo …

Perché?  Vi siete dimenticati? Rileggete la prima puntata!

Commenti