La mostra sulle fotografie di Vivian Maier a Monza

Ripropongo questo articolo visto che la mostra si è trasferita da Milano a Monza … ma il contenuto è sempre lo stesso!

Vivian Maier non è molto conosciuta: qualcuno magari avrà visto qualche sua fotografia da qualche parte, senza sapere di chi fosse.

Le foto di Vivian Maier in mostra a Milano

120 foto che raccontano la vita, le persone, uomini e donne, bimbi e anziani. E tu dirai: “Ma sì, che scoperta … tante foto raccontano di questo!“.

Ma … c’è un ma!

Le foto di Vivian Maier in mostra a MilanoQui c’è una sorpresa enorme: queste foto le ha scattate una “bambinaia”, una “Mary Poppins”. Vivian Maier, appunto, che ha fotografato persone nell’istante della loro vita.

Il soggetto è la vita: la vita è adesso!

Ma nessuno conosceva Vivian Maier; non si è mai saputo nulla fino a qualche giorno dopo la sua morte per un caso fortuito e strano (te lo lascio da scoprire): sono venuti a galla 150 mila scatti, 3 mila stampe e filmati.

Guardando la mostra si è immersi in un continuo “selfie”: ci auto-vediamo in tutto.

Vediamo noi …

Noi che camminiamo, noi che lavoriamo, noi che amiamo, noi che giochiamo, noi che camminiamo, …Le foto di Vivian Maier in mostra a Milano

Inoltre Vivian Maier è la più grande “selfie-ista” mai esistita: dovete scoprirla in quante pose si è auto-fotografata: ma non nel senso nostro del termine.

Noi facciamo i selfie per vederci, per mostrarci agli altri, per gasarci.

No, i suoi selfie stanno un po’ a significare: guardiamoci, facciamo parte di un disegno buono, siamo protagonisti in tutto.

Più guardi lei, più guardiamo noi stessi: la nostra piccolezza, il nostro limite, la nostra goffaggine, i nostri desideri e la nostra voglia di tutto!

Esistiamo, tratti dal nulla di un bel giorno e pronti a …

La mostra su Vivian Maier si intitola NELLE SUE MANI ed è aperta fino all’8 gennaio 2017.

Non ti dico più niente.

Il viaggio adesso è tuo: vai alla scoperta!

NB: la mostra si trova all’Arengario di Monza. Controlla sul SITO i prezzi e gli orari di apertura.

Visto che ti trovi a Monza, non devi perderti la Cappella di Teodolinda!

Se invece della città, preferisci una passeggiata nei boschi, non perderti questo sentiero del Parco del Curone.

Fammi sapere cosa ne pensi di questa incredibile fotografa o se hai suggerimenti su altre mostre in corso!

Commenti