Il treno mi ha sempre affascinato sin da piccolo.

Uno dei primi regali di Natale fu un trenino: fu amore a prima vista. Sono passati oltre 50 anni da allora, ma ricordo ancora tutto di quel giorno.

Un locomotore, due carrozze, un binario unico, circolare: ciuff ciuff e andava.

Lo guardavo dall’alto, dal basso, da vicino, da lontano.

Perché mi ha conquistato?

Una sensazione di partire, di andare, di muovermi verso posti sconosciuti, di scoprire paesi, luoghi nuovi. Lo guardavo e sognavo.

Da adolescente  l’amore rimane, continua: vado alla stazione ferroviaria più vicina e passo delle ore ad aspettare di vedere transitare il treno.

Chi porta a casa i pendolari, chi porta a destinazioni lontane, chissà dove … e poi i treni notturni, misteriosi.

Idee viaggio su treni storici. Treno

Avevo otto anni quando mia madre mi caricò su una carrozza di terza classe, con sedili tutti legno, tutti insieme, con grandi valigie, di sera in stazione a Milano centrale. Emozionato: era il mio primo grande viaggio! Il viaggio sarà stato lungo. Finalmente ero sul treno. Anch’io, era tutto vero, altro che sogno. Guardavo dal finestrino le case di Milano, dei suoi palazzi, condomini di periferia. Stavo sempre a guardare. Giunge la notte, luci accese delle case. Il treno andava, correva, sbuffava. Non volevo neanche dormire dall’emozione. Ad un certo punto mi sono addormentato col muso sul finestrino. E mi sono svegliato alle prime luci dell’alba, guardo fuori e cosa vedo: terra rossa, ulivi, mare … ma dove sono? Sono in un altro mondo?

Ecco questa è stata la mia prima esperienza di viaggio: stupenda, avventurosa, piena di sorprese.

Da allora ho inseguito sempre di più il viaggio in treno.

I tempi cambiavano velocemente: carrozze sempre più comode, più veloci. Per sapere l’orario bisognava comprare il mitico libretto giallo. Ma non serviva solamente per consultare: era anche pieno di fantasia quando leggevo le varie stazioni, città famose e paesi sconosciuti.

Certo ho usato il treno anche per lavoro, il famoso pendolare: pieno di gente, con i suoi ritardi ma anche conoscenze nuove, le chiacchierate, dallo sport alla politica, al tempo libero … e le mitiche partite a carte sul treno del ritorno.

Adesso ci sono le frecce rosse, bianche, gialle, etc … ma ci sono ancora dei treni piccoli su tratte incredibili e avventurose. Ne accenno solo alcune che vale la pena provare.

Ecco 5 idee viaggio su treni storici:

La Transiberiana d’Italia (Abruzzo)

Idee viaggio su treni storici. abruzzoNel cuore d’Abruzzo, nell’entroterra appenninico: Sulmona, Roccaraso, Pescocostanzo, Castel di Sangro, Isernia e tanti altri.

Lunga 100 chilometri circa, entrò in circolazione nel 1915 con trazione a vapore. Le sue curve di raggio ridotto su panorami mozzafiato regalano magnifiche viste sulla Maiella e sul Gran Sasso.

Un saliscendi, un viaggio di altri tempi su una terra sconosciuta e fantastica.

Per info: www.lerotaie.com

Genova-Casella (Liguria)

Idee viaggio su treni storici. genova casellaDa quasi un secolo si inerpica a mezza costa. Iniziata nel 1921 e conclusa nel 1929.

Parte da Genova e giunge a Casella dopo 24 chilometri. Valli, canaloni, con un panorama mozzafiato. I

In alcune stazioni si parte per sentieri per raggiungere località ricche di storia e di natura.

Per info: www.ferroviagenovacasella.it

Le Train Corse (Corsica)

Idee viaggio su treni storici. train corseA nord dell’isola la spettacolare ferrovia Bastia-Calvi collega vallate selvagge, storia secolare, insenature stupende, il mar Tirreno al Mediterraneo.

Per info: www.train-corse.com

Al Andalus: un palazzo sui binari (Spagna)

Idee viaggio su treni storici. al andalusTutto moderno lussuoso “Al Andalus”: un treno a cinque stelle su rotaia-

Carrozze con letti, compresi bagno e doccia, ristorante, un piano-bar. una sala giochi.

Il viaggio dura sei giorni attraverso l’Andalusia: Siviglia, Cordova, Granada, Jerez de la Frontera.

Per info: Al Andalus

La ferrovia della Jungfrau (Svizzera)

Idee viaggio su treni storici. jungfrauE per concludere siamo nella nazione principe dei treni: la Svizzera.

Saliamo su di una delle più belle montagne con la “Jungfraubahn”, la giovane ragazza.

Con sette chilometri di galleria si giunge ai 3454 metri d’altezza. Scesi dal treno in ascensore si raggiunge l’osservatorio meteorologico con una vista superba che raggiunge anche la Foresta Nera in Germania.

Per info: Jungfrau

Si parte! auguri!

Commenti