La via Francigena/12 giorno

Martedì 9 aprile 2019. Aulla – Sarzana – Massa – Pietrasanta km 25 a piedi

Continua la nostra Francigena percorrendo alcuni tratti significativi. Avendo l’auto al seguito ci gestiamo la giornata.

Visto la non percorribilità causa maltempo dei giorno precedenti decidiamo di percorrere a piedi il tratto Sarzana – Massa.

Siamo ad Aulla. La sveglia è alle 6.15; ci prepariamo in silenzio per non disturbare gli altri pellegrini che prenotano nell’ostello. Usciamo in questa mattina fresca e con l’auto ci dirigiamo veloci a Massa, luogo del nostro arrivo pedonale. Cerchiamo parcheggio presso la stazione FFSS. Colazione al bar. Ci sono tanti studenti. Alle ore 8.17 prendiamo il treno e torniamo a Sarzana in 10 minuti di viaggio. Ci inoltriamo in questa cittadina luogo strategico della Francigena. per primo andiamo nella vasta piazza Matteotti e poi entriamo nella cattedrale di Santa Maria Assunta. Più avanti visitiamo la pieve romanica di Sant’Andrea.

Usciamo dalla Porta Romana e imbocchiamo la trafficata statale Aurelia.

Ci stiamo dirigendo verso Luni, luogo che ha dato il nome di Lunigiana.

Dopo più di un’ora di cammino arriviamo all’area archeologica di Luni: antica colonia romana ebbe per secoli un’importanza fondamentale perchè era un porto, Portus Lunae, attivissimo e legato al trasporto dei marmi, del sale, del legname; inoltre era anche luogo di imbarco dei pellegrini per Santiago de Compostela.

Oggi è rimasto l’arte archeologica che conserva il teatro, il tempio dedicato alla Luna, una basilica paleocristiana, un tratto di decumano massimo e un vasto anfiteatro. Facciamo una sosta per un breve spuntino. Intanto un bel gregge ci supera.

Riprendiamo il cammino sulla Appia antica e in lontananza vediamo le Alpi Apuane. Dopo aver attraversato su passerella sul torrente Parmignola entriamo definitivamente in Toscana. Il mare è vicino ma non lo vediamo.

Siamo su strade parallele alla statale trafficatissima e finalmente arriviamo ad Avenza: quando giungiamo presso la Torre di Castruccio sostiamo presso il piazzale della chiesa di San Pietro. Qui è presente un ostello per pellegrini. Noi stiamo sulle panche all’esterno: il sole fa capolino. Ci togliamo calze e scarpe e con una bella fontana ci rinfreschiamo i piedi. Pranzo al sacco.

Riprendiamo la via che si insinua tra depositi e laboratori di marmo.

La strada piega verso l’entroterra e con una leggera salita continua si va verso Massa. E’ un continuo rettilineo che ci porta in centro. Palazzo ducale e il Duomo dove mettiamo il timbro sulla credenziale.

Scendiamo verso la stazione FFSS per recuperare l’auto. Andiamo veloci verso il mare qua vicino. Il cielo è sereno con un bel vento fresco. Finalmente la spiaggia e picchiamo i piedi nell’acqua: che sollievo!

Raggiungiamo Pietrasanta: ci dirigiamo verso l’ospitale ben tenuto e pulito; una stanzetta con sei brande con bagno e doccia. Siamo soli noi due. Dopo una doccia meritata ci dirigiamo verso l’Atene della Versilia così viene definita questa cittadina ricca di storia e arte. Passiamo dalla scenografica Piazza del Duomo dove domina la facciata gotica di marmo del Duomo di San Martino.

Per la cena troviamo un piccolo bar pizzeria dove gustiamo una eccellente pizza. La serata è stupenda con un tramonto ricco di colori.

Per domani le previsioni danno pioggia. Ritorniamo all’ostello, lo troviamo ben riscaldato e ci infiliamo subito sotto le coperte per il meritato riposo. A domani!

Commenti

About the author: Luigi

Luigi

Cosa ne pensi?