Dove osano le aquile … la Madonna delle Nevi

Volete sfidare le aquile, trovare un luogo silenzioso, unico, con pochissimo traffico, con la natura a portata di mano?Dove osano le aquile ... la Madonna delle Nevi •

La “Madonna delle Nevi” (1350 mt di altezza) è un luogo che si può visitare in qualsiasi periodo dell’anno: dalla frizzante primavera, alla calda estate, dal coloratissimo autunno al silenzioso inverno.

Ci sono stato qualche settimana fa, dopo una bella nevicata.

Questo posto incantevole si trova all’inizio dei tornanti del Passo San Marco (Bergamo, Val Brembana, dopo Mezzoldo) che – come dice il nome – era l’ultimo baluardo del regno di Venezia verso la Valtellina (allora Svizzera).

Il Rifugio Madonna delle Nevi fu voluto dalla diocesi di Bergamo negli anni 50: fu monsignor Bernareggi a volerlo.

Alla fine dell’Ottocento c’era solo la chiesetta dedicata alla Madonna della Neve, costruita per dare l’Eucaristia anche ai Bergamaschi che d’estate salivano con le mandrie in alpeggio.

«Mi parve che lassù potesse venire costruita una colonia alpina per i nostri giovani. Sassi lassù non mancano e pure non mancano certamente le piante per fare un tetto e dei soffitti»

Così scriveva nel 1948 il vescovo di Bergamo. L’anno dopo il rifugio era pronto. E ancora oggi, a distanza dì 60 anni, continua nella sua speciale «missione». Non una classica casa alpina ma un villaggio in un posto incantevole, un luogo di accoglienza per la ricreazione e la formazione, di famiglie e ragazzi.

Puoi trovare queste e altre informazioni nel sito ufficiale: Sito ufficiale

E quindi vi dico solamente che ci sono tante cose da scoprire: dalla Casa dell’Aquila Reale, alla polenta taragna del mitico chef, dalle Casere alle foreste, da marmotte e camosci alle trincee della guerra.

A voi la scelta!

PS: Certamente il mezzo più comodo per raggiungerlo è l’auto ma per chi può andare in bicicletta o in moto lo spettacolo è ancor di più superbo!

Ecco alcune delle foto scattate qualche giorno fa:

Commenti

About the author: Luigi

Luigi

Cosa ne pensi?