I 40 siti italiani che vale la pena di conoscere! 

San Miniato al Monte “Serena geometria”

Da mille anni un varco di bellezza fra cielo e terra.

Quale sia il più vero significato di San Miniato al Monte ce lo rivela forse quel cartiglio marmoreo che da secoli avverte il viandante con le parole: «questa è la Porta del Cielo». È l’esclamazione di Giacobbe dopo che ha sognato la celebre scala appoggiata sulla terra, la cui cima raggiungeva il cielo mentre gli angeli salivano e scendevano su di essa. Quella scala era il segno evidente che egli si trovava di fronte alla casa di Dio, il luogo dove l’uomo assetato di senso poteva finalmente trovare la terra promessa quale segno della provvidente passione del Creatore per la sua creatura. È questo sigillo scritturale a fare di quel marmo una delle pietre angolari di San Miniato al Monte. (sanminiatoalmonte.it)

La Basilica di San Minato al Monte a Firenze si trova sopra Piazzale Michelangelo, in uno dei punti più alti della città da cui si gode di un panorama meraviglioso sul centro storico.

La Basilica, edificata tra l’XI e il XIII secolo, è un capolavoro del romanico fiorentino: splendida la facciata di marmo bianco e verde, con il mosaico al centro raffigurante San Miniato, la Vergine e Cristo.

Sono presenti in più parti della chiesa, anche in cima alla facciata, raffigurazioni dell’aquila con il torsello, simbolo dell’arte di Calimala, che finanziò la costruzione di questa chiesa sul punto in cui si trovava un piccolo oratorio dedicato al martire cristiano Miniato. San Miniato infatti, seconda la leggenda, fu decapitato sulle rive del fiume Arno e con la propria testa nelle mani sarebbe andato a morire sulla sommità del colle: in questo luogo fu eretto un oratorio, ricostruito in chiesa nel 1018.

All’interno della chiesa si trova un meraviglioso pavimento di marmo, con la raffigurazione dello zodiaco e una cripta sottostante, dove si ammirano curiosi capitelli romanici. 


L’interno conserva opere di grande valore, come la Cappella del Crocifisso di Michelozzo, con le volte in terracotta invetriata di Luca della Robbia, e la Cappella del Cardinale del Portogallo, ugualmente decorata da Luca, forse anche Andrea della Robbia e da Alessio Baldovinetti, mentre nella sagrestia si possono ammirare gli affreschi sulla vita di San Benedetto di Spinello Aretino. (visittuscany.it)

Info: sanminiatoalmonte.it

Commenti