I 40 siti italiani che vale la pena di conoscere!

Sant’Eufemia “Guardando a Oriente”

La Basilica di Santa Eufemia, paleocristiana, sorge nella splendida nella “città vecchia” a Grado.

Nelle vicinanze anche il giravento, del campanile che rappresenta il simbolo di Grado, poi il Lapidario, il Battistero e Santa Maria delle Grazie la più antica di tutta la cittadina.
Le origini della basilica sono molto antiche: è stata costruita sopra un’altra chiesa del IV secolo e il nuovo edificio venne concluso nel 579 e dedicato ai martiri Ermacora, Fortunato e Eufemia, martire di Calcedonia, per affermare la fedeltà alla chiesa di Aquileia contro l’eresia ariana come si era espresso il concilio di Calcedonia. L’interno della basilica è strutturato a tre navate su colonne con capitelli che reggono le arcate.


Nell’absidale si trova un affresco raffigurante Cristo in una mandorla, attorniato dai simboli degli Evangelisti, della Madonna, Santa Ermacora, da San Giovanni Battista e da San Fortunato.
Sopra l’altare la Pala d’argento dorato, capolavoro dell’oreficeria veneziana di Donato Mazzalorsa.
Nella navata sinistra la “trichora“, cella dalla forma simile alla cappella di San Marco.

Il pavimento del Duomo è molto simile ai stilistici bizantini e il motivo più insigne è quello dell’onda subacquea. I mosaici hanno anche un rilevante valore, dai circa 40 epigrafi che commemorano , il nome di coloro che contribuirono alle spese per la realizzazione.

Basilica di Santa Eufemia
Campo Patriarca Elia

Orario di apertura
Inverno: dal lunedì alla domenica dalle ore 8.00 alle 18.00
Estate: dal lunedì alla domenica dalle ore 8.00 alle 19.00

Ingresso gratuito
 

                

Commenti