La sveglia presto di stamattina ci ha fatto partire alla volta di una città importante. 
Tante le cose da vedere a Siracusa, con i suoi quartieri da quei nomi sinuosi e l’isola di Ortigia. Camminando, inseguendo persone (e rincorrendo fotografie) mi sono rivista tra i banchi del liceo. E mi sono tornate alle mente le storie dei coloni di Corinto, dei Tiranni, della conquista romana, di Archimede, incontrati prevalentemente in quelle tremende versioni di greco. 


Camminare a Siracusa, oggi però significa godere del venticello un po’ più mite del lungomare intitolato a Vittorini, scoprire la Santa Lucia di Caravaggio, chiese che contengono colonne di templi e allo stesso tempo l’incanto arabo – con un miscuglio di religioni che fa venire la pelle d’oca – contemplare negozi di artigianato locale – e perdere la testa per una borsa gialla del tutto fuori dagli schemi.

Andare a salutare la fonte Aretusa che si bacia con un mare costellato di yacht. 
Saliamo la costa un po’ alla ricerca degli “Aci” famosi: Acitrezza. Acireale, Acicastello, Acicatena, Aci s.Filippo.
Risalendo le montagne per poi ridiscendere scopriamo la favola di Aci, innamoratissimo, e delle tante, tantissime frazioni di frazione che portano questo prefisso. 


La casa del Nespolo, è lì, minuta e schiacciata tra scale ed edifici che forse ai tempi del buon Verga non esistevano nemmeno. Forse è un po’ uno specchietto per le allodole letterate – come me/ tutto questo? Probabilmente sì. 
Ma non solo; Acitrezza vanta di avere tra i suoi un altro illustre abitante: Polifemo. I faraglioni di oggi sarebbero i sassi che, infuriato, il ciclope scaglió un giorno contro Ulisse, qualche anno prima che il carico di lupini solcasse le acque dello stesso mare.


In mezzo a tutto questo folklore di miti e leggende, la vita di tutti i giorni: villaggio è agghindato a festa e tra i vicoli regna un caos di sensi vietati, macchine, motorini e parcheggiatori abusivi. Il motivo è presto spiegato. Luccicante e in led, sulla facciata della chiesa, un sobrio “W s. Giovanni”

Commenti