Perché fare volontariato a Milano? Ecco i miei 5 motivi:

(Poi vi dirò anche cosa faccio e in quale splendida esperienza mi sono lanciato)

  1. Sono in pensione.

    Quando è arrivata la pensione (fatidico momento che di questi tempi è diventato un miraggio…), mi sono ritrovato ad un tratto ad avere tantissimo tempo libero e ho cominciato a pensare che – finalmente – avrei potuto fare ciò che mi appassionava di più.

    Ovviamente questo si può fare anche quando non si è in pensione e infatti già lo facevo, ma per questo tipo di volontariato a Milano serve proprio una costanza che io non avrei avuto durante il periodo lavorativo.

  2.  Una delle mie passioni è vedere cose belle.

    L’arte, per esempio: quadri, monumenti, sculture, chiese …

  3. Milano è una città bellissima.

    Lavorando e vivendo fuori città però, erano poche le occasioni per visitarla sul serio. Pur sapendo che Milano è una città da scoprire, piena di segreti e meraviglie … non mi ero mai lanciato nell’esplorazione.

  4. Fare volontariato allarga il cuore e la mente.

    Chiunque faccia volontariato a Milano o non, lo sa bene: non c’è un’attività come il “lavorare gratis” che ti faccia stare così bene. E non è tanto una questione di coscienza. “Faccio del volontariato così aiuto gli altri e sono a posto”. No, per me non è così. Fare volontariato per me è -sempre-una crescita mia personale e scoprirete perchè nei miei vari racconti.

  5. Mi si è presentata l’occasione di fare volontariato a Milano, guardando cose belle.

    Potevo rifiutare? No di certo!

Ed ecco cosa mi è capitato:

Un giorno sfogliando la rivista del Touring Club (del quale sono socio), leggo l’avviso che stanno cercando volontari per l’iniziativa “Aperti per voi“: ovviamente mi incuriosisce e approfondisco.

In cosa consiste? Nel 2005 il TCI ha avviato questa iniziativa per favorire l’apertura di luoghi di cultura attraverso appunto dei volontari.

Volontariato a Milano nelle chieseSono luoghi solitamente chiusi al pubblico per l’insufficienza di risorse che ne consentano l’apertura e la fruizione: un gran numero di chiese, palazzi, monumenti e aree archeologiche…

I volontari mettono a disposizione parte del loro tempo libero per collaborare, promuovendo e diffondendo la conoscenza di questi beni culturali del nostro Paese.

Aderisco immediatamente e do la mia disponibilità per iniziare questo volontariato a Milano. Siamo già in 500 circa (in Italia 1000).  Se vuoi conoscere tutti i luoghi e le città in cui è presente l’iniziativa, clicca qui.

Il nostro compito è di accogliere i visitatori, fornire attività di informazione, oltre al supporto alla sorveglianza dei luoghi.

Che bello!

Unisco il desiderio di vedere cose belle e mai viste alla possibilità di conoscere nuove persone.

Capisco sempre di più che il passare degli anni è sempre un dono per crescere e non per invecchiare!

QUESTO è il racconto di una delle mie prime esperienze come volontario Touring

E tu? Fai qualche esperienza di volontariato a Milano? Non a Milano? Ti piacerebbe farla? Se hai dei dubbi a riguardo, chiedi pure!

Commenti